Dorian Gray

Lo studio era pervaso dall’odore intenso delle rose e, quando tra gli alberi del giardino spirava la leggera brezza estiva, dalla porta spalancata entrava l’intenso odore dei lillà, o il più delicato profumo dei fiori rosa dell’eglantina.

Dall’angolo del divano di coperte da sella persiane, sul quale era sdraiato, fumando com’era sua abitudine innumerevoli sigarette, Lord Henry Wotton coglieva lo splendore dei fiori di liburno del colore e della dolcezza del miele, i cui tremuli rami parevano appena sopportare il peso della loro fiammeggiante bellezza.

Ogni tanto, l’ombra fantastica di un uccello in volo saettava, con un fuggevole effetto giapponese, sulle lunghe tende di seta grezza tese dinanzi all’enorme finestra ricordandogli quei pittori di Tokio dal viso di pallida giada che, con i mezzi di un’arte necessariamente immobile, cercano di rendere il senso della velocità e del moto.

[incipit de “il ritratto di Dorian Gray” di Oscar Wilde]